Gallery

LA SPINONA, UNA STORIA COLOR BARBARESCO

A La Spinona il vino Barbaresco è una questione di famiglia. Dal nonno Pietro, al figlio Gualtiero, fino al nipote Pietropaolo: la famiglia Berutti da decenni crede nella terra delle colline del Comune di Barbaresco, luogo vocato per la produzione di grandi vini.

La Spinona, un’azienda che rappresenta il suo fondatore Pietro Berutti, uomo dalla grande esperienza che ha saputo credere nel Barbaresco fin dagli anni ‘40. Gualtiero, figlio di Pietro ed esperto chirurgo veterinario, ha portato la sua professionalità non solo nell’allevamento bovino di capi di Razza Piemontese, e nella lavorazione dei vigneti e nella scelta dei prodotti migliori, nel rispetto dell’ambiente. Un ruolo di responsabilità che copre attualmente, sicuro che il suo impegno viene valorizzato dal figlio Pietropaolo, enotecnico e responsabile della produzione in cantina, e della parte commerciale.

La Spinona, un nome che si lega alla terra, e che deriva da una storia di vita vissuta: il ricordo sempre attuale della cagnolina Baica, di razza spinona. Un’amica, una “sorella” che per anni ha accompagnato Pietro nel suo cammino che l’ha portato a far crescere l’azienda agricola verso la fine degli anni ‘40. Baica, un simbolo che ancora oggi primeggia sul logo dell’azienda e che, in giro per il mondo, racconta la storia di una cantina che produce vino di alta qualità, frutto del lavoro meticoloso e attento alla natura, che permette di ottenere vini puliti, eleganti e tradizionali.
Ed i risultati non mancano: il Barbaresco, il Barolo, il Langhe Nebbiolo, la Barbera d’Alba, il Dolcetto d’Alba e il Langhe Chardonnay sono apprezzati nei principali mercati, tra cui Stati Uniti, Giappone e Canada.

La Spinona, un ricordo sempre vivo

Baica era splendida,
affezionata alle sue cose,
amorevolissima.
Viveva con noi da anni,
seguendo i nostri passi e le nostre fatiche.

Razza Spinona,
guardava la nuova cantina con il compiacimento
di chi sa partecipare alle tue gioie ed alle tue riuscite.

Una mano infida, crudele, ignobile,
la colpì mortalmente, senza scampo.

Fu grande il nostro dolore.
Per onorarne la memoria le intitolammo l’azienda:
fu così che si chiamò “La Spinona”.

Poesia scritta da PIETRO BERUTTI